Il raggruppamento temporaneo, guidato da Atelier(s) Alfonso Femia/AF517 e completato da Principioattivo Architecture Group (co-progettista),  si è aggiudicato il concorso indetto dall’Istituto Poligrafico Zecca dello Stato (IPZS) per la riqualificazione della storica sede situata nel Rione Esquilino, in via Principe Umberto, a Roma. L’immobile, che occupa una superficie di 16000 mq, vedrà sorgere un polo culturale destinato alla valorizzazione museale delle risorse artistiche del patrimonio nazionale numismatico e una sezione di archeologia industriale, insieme ad un archivio storico, una biblioteca, aree per attività didattiche, laboratori, un auditorium/centro congressi, uffici e servizi, un ristorante, una caffetteria e un bookshop.

  • Committente: Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato Italiano spa
  • progetto architettonico: Alfonso Femia / Atelier(s) Alfonso Femia 
  • co-progettista architettonico: Principioattivo Architecture Group S.R.L.
  • stima costi e tempi, coordinamento sicurezza: For Engineering Architecture
  • progetto strutturale: Redesco Progetti Srl
  • energia e impianti: Tekser srl
  • progetto allestimento: dUCKS Scenò + Ott Art Srl
  • archeologo: Dott.ssa Anna Bondini
  • esperto gestione economica dei beni culturali: Dott.ssa Beatrice Ravelli
  • esperto in processi partecipativi e comunicazione: Dott.ssa Chiara Mortaroli
  • esperto in restauro: Arch. Alberto Torsello
  • esperto in innovazione tecnologica: Dott. Massimo Temporali
  • consulente esperta curatrice: Dott.ssa Vera Canevazzi
  • immagine coordinata: Tonidigrigio Srl
    multimedia: Videoworks
Torna a Galleria